Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Arezzo, nuovo passaggio in aula per il processo Coingas Arezzo, nuovo passaggio in aula per il processo Coingas Arezzo, nuovo passaggio in aula per il processo Coingas

Nuovo passaggio in aula per il processo Coingas a carico di 11 imputati tra cui il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli, l'assessore Alberto Merelli e l'ex presidente di Estra Francesco Macrì. La parola ancora alla Digos. Dopo la scorsa udienza in cui il vice questore Claudia Famà che aveva ripercorso per sommi capi i punti cardine dell'inchiesta, è stato il turno del secondo teste dell'accusa, il commissario capo Luca Banchetti. L'investigatore ha ripercorso tutti i passaggi salienti delle intercettazioni telefoniche disposte dalla magistratura dopo che il collegio dei sindaci revisori aveva avanzato perplessità in merito alla congruità degli incarichi delle consulenze, in particolare nei confronti del commercialista aretino Marco Cocci e dell’avvocato fiorentino Pier Ettore Olivetti Rason. Poi si è passati al capitolo della nomina di Macrì, all'epoca era consigliere comunale, a presidente di Estra. Una figura la sua che era stata definita da alcuni degli altri imputati come "troppo ingombrante”. Situazione poi scoppiata nei mesi scorsi con la delibera di Anac che ne ha decretato l'inconferibilità e su cui pende il ricorso al Tar. Si torna in aula il prossimo 21 marzo, la parola passerà ai sindaci revisori.