Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie tecnici necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Sottoscritto presso il palazzo della Prefettura aretina il "Protocollo d'intesa territoriale in materia di sicurezza delle discoteche". Sottoscritto presso il palazzo della Prefettura aretina il "Protocollo d'intesa territoriale in materia di sicurezza delle discoteche". Sottoscritto presso il palazzo della Prefettura aretina il

Sottoscritto presso il palazzo della Prefettura aretina il "Protocollo d'intesa territoriale in materia di sicurezza delle discoteche".
Il settore è ripartito da poco dopo lo stop di oltre due anni ed in concomitanza con la fine dell'emergenza sanitaria.
Il protocollo prevede una serie di impegni da parte delle associazioni di categoria rappresentative degli esercenti e delle imprese di vigilanza che svolgono servizi di controllo all'interno e in prossimità dei locali, per dare vita ad una collaborazione tra le forze dell’ordine e gli operatori del settore. Una stretta sinergia operativa per prevenire situazioni di illegalità e comportamenti violenti.
Scopo del documento è anche quello di diffondere la cultura del "divertimento sano", mediante la comunicazione di messaggi e modelli di comportamento responsabile ai giovani.
Saranno infatti attuate azioni dissuasive di comportamenti a rischio, con attenzione al consumo di sostanze stupefacenti o psicotrope e di alcol.
Il Protocollo è stato sottoscritto, alla presenza dei vertici provinciali delle Forze di polizia, dal Prefetto Maddalena De Luca, dal Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco, dal rappresentante dell’Ufficio Scolastico Provinciale e dai referenti dei sindacati di categoria delle imprese.
Soddisfazione è stata espressa dal Prefetto di Arezzo Maddalena De Luca, perché con questo strumento si raggiunge un giusto equilibrio tra i valori e gli interessi coinvolti: il diritto dei gestori delle discoteche, il diritto dei ragazzi al divertimento, il superiore dovere delle istituzioni di garantire la sicurezza di tutti.